• Valutazione dell'emostasi mediante tromboelastometria (ROTEM®) durante la rianimazione fluida con amido idrossietilico 130/0,4 (VOLUVEN®) o soluzione salina ipertonica 7,5% in cani con dilatazione/torsione gastrica
  • Evaluation of the emostasis by tromboelastometry (ROTEM®) during fluid resuscitation with hydroxyethyl starch 130/0,4 (VOLUVEN®) or hypertonic saline solution 7,5% in dogs with gastric dilatation/volvulus

Calipa, Stefano

Subject

VET/08 Clinica medica veterinaria

Description

Le soluzioni colloidali (ad esempio HES, amido idrossietilico 130/0,4) o cristalloidi (ad esempio HS, salina ipertonica 7,5%) sono comunemente impiegate nella rianimazione fluida di pazienti critici, nonostante tali soluzioni siano potenzialmente associate ad alterazioni emostatiche. Lo scopo di questo studio è quello di valutare l'impatto sull'emostasi della somministrazione di un bolo endovenoso di HES (10 ml/Kg) o HS (4 ml/Kg) in cani rianimati per dilatazione/torsione gastrica (GDV). I campioni ematici sono stati raccolti all’ammissione (T0) e al termine del bolo (T1) e successivamente processati per analisi mediante tromboelastometria (ROTEM) e test coagulativi di routine (PT, aPTT, fibrinogeno). Lo studio ha incluso 13 cani nel gruppo HES e 10 cani nel gruppo HS. All’ammissione tutti i cani hanno presentato tracciati ROTEM classificati come normali, tranne 1/13 cani che è risultato ipercoagulabile e 2/13 cani che sono risultati ipocoagulabili. Nel gruppo rianimato mediante HES le differenze statisticamente significative tra T0 e T1 sono state: aumento di CFT (P=0,046) con riduzione di MCF (P=0,002) nel profilo ex-TEM, diminuzione di MCF (P=0,012) nel profilo fib-TEM e riduzione del fibrinogeno (P<0,001). Nel gruppo rianimato mediante HS le differenze statisticamente significative tra T0 e T1 sono state: aumento di CT (P=0,049) e CFT (P=0,02) con riduzione di MCF (P=0,032) e angolo α (P=0,037) nel profilo ex-TEM, riduzione dell'angolo α (P=0,036) nel profilo in-TEM, riduzione di MCF (P=0,017) nel profilo fib-TEM, riduzione di MCE piastrinico (P=0,021), riduzione del fibrinogeno (P=0,028) e aumento del PT (P=0,004). Nonostante tali risultati siano indicativi di una tendenza all’ipocoagulabilità, i valori medi delle variabili ROTEM sono risultate all'interno degli intervalli di riferimento in entrambi i gruppi e tali alterazioni non sono risultate associate a sanguinamenti clinicamente rilevanti nella nostra popolazione di studio. Ulteriori studi devono confermare la sicurezza della somministrazione di HES o HS a dosi incrementali nei cani con GDV.

Colloidal solutions (e.g. HES, hydroxyethyl starch 130/0,4) or crystalloid (e.g. HS, hypertonic saline 7,5%) are commonly used for fluid resuscitation in critical patient, despite such fluids are potentially associated to hemostatic alterations. The aim of this study was to evaluate the impact on hemostasis of the administration of one intravenous bolus of HES (10 ml/Kg) or HS (4 ml/Kg) in dogs resuscitated for a gastric dilation volvulus (GDV). Blood samples were collected at baseline (T0) and at the end of bolus (T1), and processed for analysis by tromboelastometry (ROTEM) and by routine coagulation tests (PT, aPTT, fibrinogen). The study included 13 dogs in HES group and 10 dogs in the HS group. At T0, all dogs have ROTEM tracings classified as normal, except 1/13 dogs that was hypercoagulable, and 2/13 dogs that were hypocoagulable. In the group resuscitated by HES, the statistically significant differences between T0 and T1 were: increase of CFT (P=0,046) with reduction of MCF (P=0,002) in the ex-TEM profile, decrease of MCF (P=0,012) in the fib-TEM profile and reduction of fibrinogen (P<0,001). In the group resuscitated by HS, the statistically significant differences between T0 and T1 were: increase of CT (P=0,049) and CFT (P=0,02) with reduction of MCF (P=0,032) and α angle (P=0,037) in the ex-TEM profile, reduction of the α angle (P=0,036) in the in-TEM profile, reduction of MCF (P=0,017) in the fib-TEM profile, reduction of MCE platelet (P=0,021), reduction of fibrinogen (P=0,028) and increase in PT (P=0,004). Although these results are indicative of hypocoagulability, the mean values of the ROTEM variables results within the reference intervals in both groups and these alterations were not associated with relevant clinical signs of bleeding in our study population. Further studies are need to confirm the safety of HES or HS administration at incremental doses in dogs with GDV.

Date

2019-03-20

Type

Tesi di dottorato

NonPeerReviewed

Format

application/pdf

Identifier

urn:nbn:it:unibo-25378

Calipa, Stefano (2019) Valutazione dell'emostasi mediante tromboelastometria (ROTEM®) durante la rianimazione fluida con amido idrossietilico 130/0,4 (VOLUVEN®) o soluzione salina ipertonica 7,5% in cani con dilatazione/torsione gastrica, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Scienze veterinarie , 31 Ciclo. DOI 10.6092/unibo/amsdottorato/8796.

Relations